sabato 5 gennaio 2013

Premio Giovanna 2012: il Galà delle Pubblicità Insopportabili (la premiazione)


"E' arrivata la Befana! O yeah!" recita una vecchia pubblicità epifanica che non smetterò mai di dileggiare. E insieme alla simpatica vecchina sdentata, è arrivata oggi anche la nostra brava Giovanna, volando su di un gigantesco pennello, per sigillare i nostri cuori infranti col silicone sigillante Saratoga e per dipingerli di verde speranza con il suo fido Fernovus.
Che ci avrà portato la nostra, generosa befanina Giovanna? Cosa nasconderà nelle sue autoreggenti? Una valanga di premi da assegnare agli spot più orrendi e irritanti della tv! Giovanna e Il Tè - il blog volutamente ozioso e inutile ringraziano caldamente tutti voi per aver preso parte a questo imperdibile evento: che abbia inizio la cerimonia di premiazione dell'ormai prestigiosissimo Galà delle Pubblicità Insopportabili!
(Clicca qui per ripassare le insopportabili nomination!)

1. Personaggio Femminile VIP Più Insopportabile
Consegna il premio - ça va sans dir - la nostra Giovanna ("Brava, Giovanna, brava!"). The winner is...

Belén Rodriguez per Linkem (rileggi l'articolo)
La Pellegrini quest'anno gna fa proprio a vincere. Ci è arrivata molto vicina, ma nulla di fatto. Nè la medaglia d'oro, nè la Giovanna d'Oro. Si accontenterà della Giovaninna di Bronzo o si allenerà "duro duro" per comparire in ancora tante altre pubblicità insopportabili? Intanto rivolgiamo le nostre più sentite congratulazioni a Belén e ai bebè (Stefano e Santiago). L'affascinante argentina è riuscita a svolazzare leggiadra in cima alla classifica dei personaggi femminili VIP più detestati.

2. Personaggio Femminile più Insopportabile
Consegna il premio, anche per questa categoria, la nostra Giovanna ("Visto che brava?"). The winner is...

La ragazza con micosi vaginale per Gyno Canesten (rileggi l'articolo), la povera fanciulla con una coltivazione di champignon nei Paesi Bassi si aggiudica la Giovannina d'Argento come Personaggio Femminile più Insopportabile. Visto che per quasi tutto lo spot ha una barra nera a coprirle gli occhi da invasata, la dea bendata ha pensato, solidale, di baciarla, onorandola con questo ambitissimo premio. Liana, la postina di Polident, era ormai certa di avere la vittoria in pugno, ma ahimè, ora si sta consolando "davanti a una bella fetta di lampone." La vittoria morale non te la toglie nessuno, cara, dolce Liana.

3. Personaggio Maschile più Insopportabile
Consegna il premio, dopo aver palpeggiato accidentalmente Giovanna, il padrone di casa Saratoga, con la sua vestaglia delle grandi occasioni. The winner is... 


Antonio Banderas per Mulino Bianco (rileggi l'articolo) Il suo accento spagnolo ha sciolto i nostri Cuordimela, il suo sorriso bonario ci ha illuminati come uno SpicchioDiSole, le sue parole di pace hanno fatto sì che ogni conflitto si concludesse a Tarallucci e vino. Il mondo intero si è chiuso come un Abbraccio attorno a lui, vincitore del lusinghiero titolo di Personaggio Maschile più Insopportabile dell'anno. Flauti al cioccolato suonano una marcia trionfale per il mugnaio che, per mesi, ci ha rotto le uova (nel paniere e non.)

4. Personaggio Non Umano più Insopportabile
Consegna il premio... lo scoiattolo petomane di Air Action Vigorsol. The winner is...


L'orso Bruno di Vodafone (rileggi l'articolo), l'insopportabile bestione impellicciato ruba lo scettro di re della foresta al ben più anziano Napoleone, il leone di Euronics. Bruno, una dichiarazione a caldo sulla tua vittoria? "Grazie a tutti coloro che mi hanno votato. Siete così teneri: vi mangerei tutti! Scherzo, eh..."  Mica tanto: Diego Abatantuono te lo sei spolpato per bene...

5. Jingle più Insopportabile
Consegna il premio... la grande Mina, prima interprete del celebre jingle della cedrata Tassoni: "Quante cose al mondo puoi fare, costruire, inventare... ma trova un minuto per me!" The winner is...


Buongiorno a te, Nutella. Il buongiorno che ti rovina la giornata. Piuttosto che ascoltare ancora questa insopportabile canzone, preferirei svegliarmi con qualcuno che mi gridi nelle orecchie indicibili oscenità come: "Alza quelle chiappe purulente, verminoso insaccato vagamente umanoide! Sto parlando con te, ignobile abominio nato da un rigurgito rappeso sul mento di Adamo!"

6. Peggiori Cliché
Consegna il premio, l'uomo Denim, l'uomo che non deve chiedere mai:


Ronco San Crispino (rileggi l'articolo). Questo idilliaco, rassicurante spot d'ambientazione rurale si aggiudica il premio per i Peggiori Clichè, con tutto il suo presepe di contadinelle avvinazzate, allevatrici sedute in modo poco femminile che danno da mangiare alle galline, vecchi nonni saggi come Nestore e tavole imbandite di formaggi e vino scadente. Alla vostra salute!

7. Peggior Slogan
Consegna il premio... Stefano Accorsi, celebre per il suo "Du gust is megl che uan." The winner is...

"Poltrone e Sofà, artigggiani della qualità." Quando sentite parlare di Sabbbrina Ferilli non vi viene in mente l'eleganza e la raffinatezza di Audrey Hepburn in Sabrina? No? Neanche a me. Eleganza e raffinatezza le sono del tutto estranee. Una bella ripassata di dizione non sarebbe male. Sabbri, credo ci siano anche dei corsi online, così puoi imparare e, nel frattempo, continuare a poltrire in poltrona. Cercasi professor Higgins per trasformare la nostra Sab-burina in una fair lady.

8. Pubblicità più Insopportabile
E infine... la Pubblicità più Insopportabile di tutte. Ho l'onore di consegnare questo agognato premio a...

Gioca Jouer, Enel Energia con Federica Pellegrini. Federica di certo avrebbe preferito un premio individuale, ma dovrà dividerlo con la ciurmaglia di esaltati che ballano, sorridendo istericamente, sulle note di un Gioca Jouer incredibilmente più odioso dell'originale: "Cucinare!", "Caffè!", "Doccia!", "Risparmiare!", "Sbattere forte la testa contro il muro!", "Suicidio di massa!"...

Un intero anno di pubblicità insopportabili si è gloriosamente concluso. Quali nuovi, irritanti spot infesteranno il 2013? Per scoprirlo basta accendere la tv... o, meglio ancora, continuare a seguire Il Tè - il blog volutamente ozioso e inutile!

Grazie! Che la Befana regali a voi tutti autoreggenti straripanti di dolciumi!

14 commenti:

  1. Sììì molte di quelle che avevo votato hanno vinto! Mi sento così democraticamente orgoglioso di aver partecipato al concorso!

    Bravo Raffy braaaaavo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *____* Grazie Ciuffo, grazie per aver democraticamente espresso il tuo voto e aver partecipato a tale evento senza precedenti!

      Elimina
  2. Sei il mio mito :)

    Mya

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *____* così mi fai commuovere, nuuuuu

      Elimina
  3. Il bambino urlante del san crispino mi urta i nervi!

    RispondiElimina
  4. oddio quella della belèn me l'ero persa! ed era meglio se non la trovavo... e l'enel ha tutto il mio odio per aver rovinato gioca jouer!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti la pubblicità di Linkem è andata in onda per poco tempo :/ Mistero misterioso....
      Grazie e un abbraccio anche a te! :D

      Elimina
  5. Ciao Raffy :) Vedo che molte pubblicità da me votate hanno vinto, Orso Bruno e Poltrone e Sofà ad esempio! :D Ti abbraccio e ti auguro un felice anno nuovo, anche se un po' in ritardo (perdono :D)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un grosso abbraccio e tanti auguri di felice anno nuovo anche a te, Vale!! :D :*

      Elimina
  6. Giustissimi e meritatissimi premi! Io candiderei con mesi di anticipo TUTTE le pubblicità di profumi che ci verranno propinate... clichè allo stato puro.
    PS: ieri stavo guardando delle pubblicità degli anni '60, quelle che venivano fatto durante il Carosello, e mi chiedevo come mai per pubblicizzare l'Amaro Dom Bairo (prodotti per adulti) venisse usato un cartone animato guardato da bambini... tu sai darmi una risposta? Non ci dormo la notte :-)
    Ciao e buon anno

    RispondiElimina
  7. Me lo sono chiesto anch'io, quando, in tempi relativamente recenti, hanno scongelato Carmencita e Caballero... neanche il caffè è un prodotto per bambini. Facendo qualche ricerca ho letto che non c'era una netta separazione tra trasmissioni e pubblicità, come oggi. Per legge però i messaggi pubblicitari dovevano occupare solo una piccolissima parte degli sketch di Carosello. Perciò non stupisce che Calimero fosse più famoso del prodotto pubblicizzato. Penso che quello delle pubblicità fosse, in un certo senso, un pretesto per dare sfogo alla creatività.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rileggendomi non mi sembro molto chiaro :S

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...