giovedì 18 aprile 2013

Pubblicità insopportabili #21 - Voglio il divorzio

Conosco una donna che ha gravi problemi con suo marito.
A vederli non si direbbe.
A volte è molto più facile fare come se nulla fosse e continuare a sorridere piuttosto che ammettere il problema e prendere in mano la situazione. Si spera sempre che le cose si sistemino da sole, col tempo.
Non che Lei non si sia data da fare: la terapia di coppia... l'aiuto del parroco... dei nuovi sex-toys. Le ha provate tutte, ma Lui ha sempre la mente altrove, e non fa nulla per nasconderlo. Il talamo nuziale è costantemente occupato da una presenza estranea, l'ombra di un'ossessione che distrugge pezzo per pezzo la loro felicità coniugale.
All'inizio Lei pensava ci fosse un'altra donna. E forse l'avrebbe persino preferito. Una suocera invadente si può sopportare, un'occhiata di troppo alla vicina che fa jogging si può anche perdonare, ma si può competere con un supermercato?


Questo episodio di Pubblicità insopportabili è una dichiarazione di solidarietà alla moglie del commesso monomaniaco della Conad.
Ascolta il consiglio di un amico, e fai un favore a te stessa: chiedi il divorzio. Sono certo che meriti di avere accanto a te un uomo che ti ami veramente, un uomo che ci sia sempre per te, un uomo con cui parlare senza dover staccare un numerino come al banco salumeria.
Hai bisogno di un compagno che si svegli nel cuore della notte perché è in preda ai bollori notturni, e non perché avverte l'irrefrenabile urgenza di correre al supermercato a controllare la freschezza della lattuga.
Amica mia, sai bene che questo matrimonio è da consumarsi preferibilmente entro... quanto ancora? Un mese? Un anno?
Quanto ancora potrà andare avanti così?
Se tuo marito anziché farti delle avances, controlla le scadenze degli avanzi in frigo, c'è qualcosa che non va.
Quand'è stata l'ultima volta che si avvicinato a te con intenti libidinosi?
E com'è andata a finire? Vi siete spogliati, in preda alla passione, poi però ha perso interesse quando non ha trovato il tuo codice a barre...


Le sue valige sono già davanti alla porta?
E' la scelta migliore, vedrai. Troverai sicuramente di meglio. Qualcuno che vada in visibilio per la tua sottoveste, non per il sottocosto.
Non preoccuparti, Lui se la caverà senz'altro. Una notte sotto le stelle, su una panchina, gli farà bene. Magari lo aiuterà a schiarirsi le idee.
Tanto Lui ci sta benissimo, sotto questo cielooo...

Ecco Lui che lancia sguardi lussuriosi all'oggetto del suo desiderio, mentre morde
voluttuosamente una fragola. E pensare a tutte le volte che tu gli hai proposto di reinterpretare la
scena di 9 settimane e 1/2 e Lui ha sempre detto di no...

6 commenti:

  1. No, ma questo ha dei seri problemi. Cioè si alza alle enne di notte per farsi un giro alla Conad a palpare buste di caffè o pacchi di pasta per poi guardarli con uno sguardo del tipo "brava Giovanna, brava!". Non sta per nulla bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah è esattamente quello che penso anch'io <3 È un caso che farà la storia della psichiatria

      Elimina
  2. Grandissimo! Non ho altre parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne aggiungo due: grazie mille *______*

      Elimina
  3. Mi fermo qui dopo aver letto tutte d'un fiato le 24 recensioni di "Pubblicità insopportabili". Ho trovato il blog per caso e non sono più riuscita a scollarmi. Ho riso come una scema per molte recensioni (questa per esempio è una delle mie preferite) e concordato tantissimo con altre (E' confortante scoprire che non sono solo io a pensare che ne girano veramente di pubblicità assurde!) Insomma continuerò a leggerti e complimenti per il blog! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah felicissimo di farti ridere come una scema! :D Spero di continuare a farlo! Ti ringrazio per i complimenti, mi congratulo a mia volta per aver letto le 24 recensioni tutto d'un fiato e ti do il mio benvenuto nel mio umile blog! Grazie mille! *____*

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...